Lettura: 8 minuti

Vi siete mai chiesti quali siamo i migliori castelli scozzesi da visitare? Nel nostro on the road in Scozia, post lockdown, ne abbiamo visti parecchi, ma quali vale davvero la pena di vedere? Ecco la nostra personale classifica.

Il Castello di Edimburgo

Il Castello di Edimburgo si trova all’ultima posizione della nostra classifica.

Tra i castelli scozzesi, quello della capitale è sicuramente il più austero e sarà forse anche per questo che viene incluso nei tour dei fantasmi, organizzati ad Edimburgo!

Castello di Edimburgo
Castello di Edimburgo

Credo che questa opinione sia il frutto della mancata visita del suo interno. A causa del Covid, infatti, le porte del castello sarebbero state riaperte al pubblico solo qualche giorno più tardi rispetto alla nostra permanenza ad Edimburgo.

Ci siamo accontentati di vederlo esternamente, immaginando come sarebbe potuto essere ed innamorandoci della vista panoramica della città che si può ammirare dall’altura su cui è stato costruito.

Nell’articolo “Cosa vedere ad Edimburgo in un weekend” abbiamo raccontato alcuni aneddoti proprio sul castello di Edimburgo!

Il Castello di Urquhart

Al quinto posto, troviamo uno dei castelli scozzesi dal nome più impronunciabile: Urquhart!

Ci troviamo a nord della Scozia, esattamente sulla A82 la strada che costeggia il Lago di Loch Ness, negli Highlands, poco distante Fort William.

Il sito si trova proprio sulle sponde del Lago di Loch Ness, che ha fatto da sfondo per secoli a cruente e sanguinose battaglie, che hanno segnato la storia scozzese, tra la casata inglese dei Grant e quella scozzese dei MacDonalds per contendersi la roccaforte. Considerato strategico per la sua posizione (tre lati rivolti al lago e il quarto protetto da un promontorio), il Castello di Urquhart è stato infine distrutto per evitare che cadesse in mano ai ribelli Giacobiti nel XVIII secolo.

Castello di Urquhart
Castello di Urquhart

In questo periodo la visita è prenotatile esclusivamente online, il costo del biglietto è di 9 sterline a persona. Lasciata l’auto nell’ampio parcheggio adiacente al Castello, troverete la biglietteria (ora chiusa causa Covid), un negozio di souvenir e una caffetteria.

Apprenderete la storia scozzese e del Castello di Urquhart, attraverso l’installazione di una mostra a pannelli che cerca di ricostruire le sembianze del castello nel periodo del suo massimo splendore.

Il Castello di Slains

…o quello che ne rimane si aggiudica la medaglia di legno!

Tra i tantissimi castelli scozzesi che abbiamo visto ci sono anche le rovine di Slains Castle che sono in discreto stato e facilmente accessibili. Anche se ne è rimasto solo lo scheletro, ci siamo divertiti a percorrere i suoi corridoi come se fosse un labirinto.

Facendo molta attenzione è possibile arrampicarsi ai piani superiori per scattare qualche foto simpatica. Ci sarebbe stata la possibilità di salire lungo la scala a chiocciola della torre principale, ma non ce la siamo sentita, per paura della precarietà dei pioli.

Il Castello di Slains si trova nella regione dell’Aberdeenshire, vicino a Cruden Bay e affaccia sul Mar del Nord.

Castelli Scozzesi Slains Castle
Slains Castle

Ci si arriva con una breve passeggiata su una strada di campagna e il sito è sempre aperto, essendo di fatto abbandonato, per cui era una meta irrinunciabile nel periodo del nostro viaggio, quando moltissime strutture erano invece chiuse a causa Covid.⠀

Possiamo dire che lo Slains Castle è uno dei castelli abbandonati migliori che abbiamo visto finora!

È stato costruito alla fine del 1500 per sostituire il vecchio Slains Castle andato distrutto. Difatti il Castello di Slains è chiamato anche New Slains Castle.

La parte sicuramente più interessante è il cuore del castello: la stanza ottagonale. Pare che questa stanza sia stata d’ispirazione per diversi scrittori tra cui Bram Stoker l’autore del “Castello di Dracula”. Infatti l’autore, era un visitatore abituale del vicino villaggio di Cruden Bay e questi luoghi gli hanno fornito molti spunti per il suo lavoro di scrittore.⠀

Il Castello di Eilean Donan

Il Donan Castle, che sorge su una piccola isoletta, è stato uno dei nostri preferiti durante il viaggio in Scozia e pare sia anche uno dei castelli più belli e più fotografati in assoluto! Come non farlo salire sul podio?

castelli scozzesi Eilean Donan Castle
Castello di Eilean Donan

Pensate che fu costruito intorno al 1200, prima di essere distrutto diverse volte e lasciato in rovina fino agli inizi del 1900, quando assunse la forma che vediamo oggi dopo un lungo restauro.⠀

Il castello si trova sulla strada che porta all’isola di Skye, nel Nord della Scozia, ed è quindi molto facile da visitare durante un itinerario on the road.

Il sito non aveva ancora riaperto quando ci siamo passati a fine Luglio, ma abbiamo comunque potuto attraversare il ponte e fare il giro esterno della struttura, per ammirare da vicino questo piccolo gioiello.⠀

Da Agosto sono ricominciati anche i tour guidati all’interno della struttura, che tra l’altro è disponibile anche per matrimoni ed eventi privati… nel caso stiate cercando una location suggestiva e romantica questa potrebbe fare al caso vostro!

Nel film della saga 007 del 1999 “The world is not enough”, il castello era la sede dell’MI6! Ma forse la pellicola più famosa che lo riguarda è stata quella di “Highlander – L’ultimo immortale” (1986), dove il castello aveva un ruolo centrale.

Inutile dire che la location è stata utilizzata in numerosi film e serie tv.⠀

Il Castello di Glamis

Tra i castelli più belli di Scozia, troviamo il Castello di Glamis, che vince la nostra medaglia d’argento!! La visita a questo castello è stata decisamente insolita rispetto a come ce la immaginavamo. Volete sapere il motivo?

Castello di Glamis
Castello di Glamis

Innanzitutto durante il nostro turno di visita c’erano solamente quattro prenotazioni oltre alla nostra e quindi ce lo siamo visti con estrema tranquillità.

Il secondo motivo è che solitamente è vietato fare foto e video all’interno del Glamis Castle, ma sempre a causa della pandemia, la visita era libera. All’ingresso ci hanno controllato la prenotazione e poi, tramite una rete wifi recentemente installata, ci hanno fatto scaricare una guida virtuale delle stanze del castello, autorizzandoci così all’utilizzo del cellulare!

Il tour è iniziato attraverso un percorso guidato tra le stanze di questa reggia! Abbiamo potuto così documentare nei minimi dettagli questa dimora regale.

Di Glamis Castle abbiamo apprezzato moltissimo il suo immenso parco, visitabile seguendo un percorso consigliato, che porta ad esplorare i diversi giardini a tema, l’orto e il piccolo cimitero dei cani dei reali che si sono avvicendati nei secoli. Leggere le dediche incise sulle lapidi è stato davvero commovente!

Il Castello di Dunnottar

And the winner is…. Dunnottar Castle!!!

Tra i castelli scozzesi è quello che ci è piaciuto di più in assoluto, sia per la sua meravigliosa posizione strategica, che per i suoi interni.

Castelli scozzesi
Castello di Dunnottar

Situato sulla costa orientale della Scozia, nella regione del Aberdeenshine, a pochi chilometri da Stonehaven, paese che ha dato i natali all’inventore dei pneumatici, il Castello di Dunnottar ha davvero dell’incredibile!

Anche se la maggior parte della sua struttura è lasciata all’immaginazione, la visita che abbiamo fatto ci ha permesso di capire come era organizzata la vita in quel periodo.

La fortezza medievale

Il castello di Dunnottar non è costituito, come si potrebbe pensare, da un unico edificio, circondato da mura di cinta a proteggerlo, ma al suo interno si trovava un vero e proprio villaggio.

Infatti dalla corte interna, sono visibili chiaramente diversi gruppi di abitazioni che costituivano i quartieri del regno.

Dopo aver attraversato l’ingresso principale, visitato una delle cucine ed esserci lasciati alle spalle la gabbia in cui il re custodiva il suo personale cucciolo di leone, ci si ritrova proprio in mezzo a questo villaggio.

Da un lato c’erano gli appartamenti dei reali: otto stanze al piano terra, con ingressi indipendenti, ognuna con un camino personale per scaldare l’ambiente. Al piano superiore si trovava la sala da ballo, dove la sera reali e cortigiani di scatenavano in danze tradizionali fino a notte fonda.

Castello di Dunnottar
Castello di Dunnottar

Al centro del castello si trova la cappella per le funzioni religiose, poco lontano un vasto prato ora sostituisce l’antico cimitero.

Lungo le muro sono visibili i punti di difesa, da cui le vedette controllavano l’arrivo dei nemici che potevano arrivare via mare.

Una cisterna profonda 7 metri permetteva la raccolta dell’acqua piovana, c’erano almeno tre cucine con enormi forni, diverse sale da pranzo per reali e cortigiani ed una stanza, recentemente restaurata, dedicata alla commemorazione della difesa dell’onore della Scozia nella Battaglia di Dunbar del 1650.

C’era la zona destinata ai fabbri e agli artigiani di corte e per concludere i sotterranei con le stanze destinate alle armi e alle buie e umide prigioni.

Per entrare si prenota esclusivamente online, le visite sono a numero chiuso e suddivise per fasce orarie.

Ulteriori informazioni le potete trovare consultando il sito ufficiale: dunnottarcastle.co.uk

Conclusioni

Sicuramente ci saranno moltissimi castelli che avrebbero meritato di far parte di questa lista, come per esempio il Castello di Inveraray,  nella Scozia occidentale, il castello di Doune, Caerlaverock Castle oppure il castello di Jedburgh nell’area degli Scottish Borders, o infine il Castello di Starling risalente al XIV secolo, ma purtroppo abbiamo dovuto fare una scelta.

Voi siete d’accordo con la nostra classifica o avreste scelto diversamente? Fatecelo sapere nei commenti, siamo curiosi di conoscere la vostra opinione!

PS. Se volete approfondire il tema di questo articolo, vi consiglio di seguire il gruppo Facebook dedicato alla Scozia e ai suoi castelli “Nel cuore della Scozia“. Qui troverete un sacco di informazioni utili sulle principali attrazioni, su come riuscire a viaggiare coi mezzi pubblici, la guida ai castelli, insomma a pianificare il viaggio perfetto!

…ciao for now!

Lascia un commento