Lettura: 4 minuti

Il Cansiglio è un Altopiano delle Prealpi Carniche a cavallo tra le province di Belluno, Treviso e Pordenone, tra Veneto e Friuli Venezia Giulia. La foresta che si estende per oltre 7.000 ettari è il luogo ideale per ammirare i meravigliosi colori autunnali: i faggi, autoctoni, (rossi), e le conifere, introdotte dall’uomo (rimaste verdi).

Foresta del Cansiglio
Foresta del Cansiglio –  foliage in Veneto

Escursione (breve) lungo l’Anello del Cansiglio

Quest’anno, complice un autunno mite e gli allentamenti dalla pandemia, abbiamo approfittato per fare una passeggiata tra i boschi del Cansiglio. Le possibilità che questo parco naturale ci regala sono infinite, ma noi volevamo ammirare il foliage autunnale percorrendo un sentiero non troppo impegnativo.

Seguendo le indicazioni del sito laviadelleprealpi.it abbiamo scelto di percorrere la passeggiata lungo l’Anello del Cansiglio in versione breve: 8 chilometri, circa 2 ore e mezza di strada con un lieve dislivello (214m).

Il percorso inizia dalla Località Pian Osteria, per proseguire verso il Giardino Botanico, Pich, Campon per poi rientrare a Pian Osteria.

Anello del Cansiglio percorso breve
Anello del Cansiglio percorso breve

 

Questo giro in Cansiglio è ideale nel periodo che va da Aprile a metà Novembre. Il percorso ricalca alcuni antichi tracciati delle vie di comunicazione che collegavano la Pianura alle Dolomiti (la via del Patriarca). Nel Bosco sono stati ritrovati resti di insediamenti preistorici che ora sono custoditi nel Museo dell’Uomo in Cansiglio, che si trova proprio in Pian Osteria.

Consiglio di caricare le coordinate GPS del percorso così da evitare di perdersi:  46.090900, 12.411679.

Il percorso è facile, adatto alle famiglie con bambini e percorribile con i nostri amici a 4 zampe. La zona è protetta e la caccia è bandita da anni.

L’anello intervalla sentieri in mezzo al bosco e a cielo aperto. È facile poter incontrare (nelle stagioni giuste) la fauna locale  tra uccelli, scoiattoli, cervi, caprioli e volpi; noi siamo riusciti a vedere una volpe rossa, in lontananza, che stava prendendo il sole in cima ad una collinetta soleggiata.

Vie di comunicazione antiche in Cansiglio
Vie di comunicazione antiche in Cansiglio

I Grandi Alberi della foresta

I Grandi Alberi del Cansiglio sono testimoni del tempo, si distinguono per le loro dimensioni eccezionali, l’altezza superiore alla media, la maestosità e l’eta plurisecolare, ma anche per il loro enorme valore culturale, poiché racchiudono dei loro anelli di accrescimento la storia di un luogo e di generazioni di uomini.

È considerato grande quando supera i 35 metri di altezza e 70 cm di diametro. I Grandi Alberi sono un patrimonio unico che non deve essere trascurato o perduto. Rispettare e tutelare i Grandi Alberi significa conservare la biodiversità e gli ecosistemi che li circondano.

I Grandi Alberi racchiudono un alto livello di complessità biologica e vari micro habitat; sono sopravvissuti ad avversità, malattie, agenti inquinanti, cambiamenti climatici e sono portatori di geni resistenti grazie ai quali hanno vissuto. Garantiscono l’esistenza di preziose reti alimentari per molti organismi e consentono la nidificazione e la riproduzione di comunità di animali e vegetali, fungendo da ricovero diurno e notturno per molte specie animali.

Abbigliamento consigliato e avvertenze

È raccomandato indossare capi sportivi, comodi e scarpe da trekking. Durante la nostra passeggiata ci siamo trovati a dover scavalcare dei tronchi di alberi che erano caduti proprio sul sentiero. Il meteo variabile, gli sbalzi di temperatura tra il giorno e la notte e l’umidità possono creare del fango lungo il percorso, per questo motivo è sempre bene indossare calzature adeguate. In ogni caso, consultate le previsioni del tempo e non uscire dai sentieri segnalati.

Curiosità sul Cansiglio

Sapevate che sul Pian del Cansiglio esiste una minuscola minoranza linguistica cimbra?⠀
Molti di questi villaggi sono costituiti da pochi fabbricati talvolta ridotti allo stato di ruderi e la maggior parte sono abitati solo stagionalmente.⠀⠀
Nei comuni dove sopravvive la parlata, sono presenti istituzioni culturali e museali che cercano di tutelare e sviluppare l’identità cimbra.⠀⠀
I villaggi cimbri dell’altopiano sono Vallorch e Le Rotte nel comune di Fregona (in provincia di Treviso), Val Bona, Pian dei Lovi, Canaie Vecio, e Pian Canaie nel comune di Tambre (BL), Campon, Pian Osteria e i Pich nel comune di Alpago (BL).

Ne eravate a conoscenza?

Se siete appassionati di Altopiani, potrebbe interessarti anche l’articolo sull’ Alpe di Siusi.

…ciao for now!

Lascia un commento