• Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Spagna
  • Tempo di lettura:19 minuti di lettura
  • Commenti dell'articolo:0 commenti

Se state pianificando il vostro primo viaggio a Madrid e non sapete da dove cominciare, non preoccupatevi! Con questo articolo vi suggerirò le cose (per me) imperdibili da vedere gratis nella capitale spagnola e una selezione di cose da vedere a pagamento, per le quali secondo me vale assolutamente la pena!

Ciao, sono Giulia Bean e questo è il mio blog in cui scrivo di Stati Uniti e Islanda, ma anche di borghi fantasma, mete Far West e viaggi pet friendly!
Sono stata a Madrid qualche anno fa, mia sorella era impegnata in un Erasmus e stava lavorando in uno studio di architettura per la rigenerazione urbana, un progetto molto interessante che l’ha impegnata diversi mesi.
Mamma e io l’abbiamo raggiunta poco prima che rientrasse per trascorrere insieme qualche giorno. A fine estate mi sarei sposata, per cui è stato un po’ come festeggiare l’addio al nubilato.
Scoprite chi sono e seguite le mie avventure anche su Instagram e Facebook!

La città si suddivide in 18 quartieri. Per ognuno di essi ci sono centinaia di bellissime cose da visitare a Madrid.  A fine articolo vi posto due cartine per farvi capire bene dove si trovano i luoghi di cui parlerò.

Pochi giorni mi sono bastati per capire quanta bellezza c’è nella capitale spagnola. Ma bando alle ciance e veniamo al sodo: ecco cosa vedere durante la vostra prima volta a Madrid!

Cosa vedere gratis a Madrid la prima volta che si visita la città

Palacio Real de Madrid: sentirsi reale per un giorno 

Palazzo Reale

Non puoi visitare Madrid senza andare a vedere il Palazzo Reale! Residenza ufficiale dei reali di Spagna fino ad Alfonso XIII, oggi è utilizzato dai sovrani spagnoli solo per le cerimonie ufficiali. Ammirate la sontuosità degli interni, parlano di regalità e sfarzo! Fingete di essere re o regina per un giorno e passeggiate per le sontuose stanze con la vostra aria più regale.

Non perdetevi l’opportunità di assistere alla tradizione militare del cambio della guardia che si svolge il mercoledì e il sabato. Se avete un’oretta a disposizione, ogni primo mercoledì del mese si svolge invece il passaggio solenne, cioè l’insediamento delle nuove guardie e l’uscita di quelle precedenti, con parata e sfilata militare dalla Plaza de l’Armeria.

La Cattedrale di Almudena: origini antiche, consacrazione moderna

Cattedrale di Almudena

La Cattedrale di Almudena è la chiesa principale di Madrid, situata accanto al Palazzo Reale è impossibile non notarla. La sua imponente costruzione che si ispira allo stile gotico francese del XIII secolo, ha una storia molto travagliata:

  • tre cambi di destinazione. Inizialmente era stata ideata come una chiesa, poi come tempio votivo ed infine come cattedrale
  • l’avvicendarsi dei direttori dei lavori. Il primo progetto fu dell’architetto Francisco de Cubas, seguirono poi Miguel Olabarría, Enrique Mª Repullés e infine Juan Moya.

La costruzione inizia nel 1883 e termina nel 1993, anno in cui viene consacrata da Papa Giovanni Paolo II. 

L’interno della cattedrale si distingue per i suoi elementi architettonici moderni, come il tetto e le vetrate colorate dalle linee rette, in contrasto con lo stile classico di altre cattedrali.

Plaza Mayor: il cuore pulsante di Madrid

Plaza Mayor, Madrid

Il classico punto di partenza di ogni turista che si rispetti è Plaza Mayor. Situata nel quartiere Austrias, è una piazza maestosa, circondata da edifici storici, costellata di bancarelle e artisti di strada. Un luogo perfetto per scattare qualche selfie e poi fuggire via prima che i venditori di souvenir ti assalgano.

Questa piazza è così immensa che ci sono 10 diversi ingressi da cui accedervi. Il più storico e famoso è l’Arco de Cuchilleros (arco dei coltellinai), chiamata così perché sorge in quello che una volta era il borgo dei fabbri che realizzavano coltelli.

Poco distante da qui si trova un luogo che ospita una statua che cela una curiosità. La trovate a metà articolo!

Parco del Retiro: relax e verde a un passo dalle opere d’arte

Parco del Retiro
Parco del Retiro – Palazzo di Cristallo
Pavoni al Parco del Retiro
Pavoni al Parco del Retiro

Dopo una giornata intensa di visite, concedersi un po’ di relax al Parco del Buen Retiro è d’obbligo! Godetevi una passeggiata tra alberi secolari lungo vialetti ombrosi, fontane, sculture, artisti di strada e se avrete fortuna incontrerete qualche splendido pavone in libertà. Ci troviamo nel quartiere Retiro.

All’interno del parco si trova il Palacio de Cristal, un imponente palazzo di vetro di epoca vittoriana, uno degli esempi più spiccati dell’architettura del ferro a Madrid. Progettata come serra oggi è una delle sedi del Museo Reina Sofia.

Anche questa è un’esperienza culturale, non solo per la vicinanza al “Triangolo d’Oro dell’Arte, di cui vi parlerò tra poco.

Puerta del Sol: tra statue e curiosità

La Puerta del Sol è una delle piazze più famose e animate di Madrid, circondata da edifici storici, negozi, caffè, ristoranti e luoghi di interesse turistico.

Si trova nel centro della città ed è considerata il punto di riferimento geografico della Spagna, in quanto ospita il cosiddetto “chilometro zero”.

km 0

Il km zero è rappresentato da una pietra incastonata nel marciapiede di fronte alla Real Casa de Correos, (il palazzo delle Poste), con la scritta “Km 0”. Questa pietra segna il centro geografico della Spagna, cioè il punto da cui partono tutte le strade radiali della nazione.

Dopo aver osservato il “km 0” alzate gli occhi per ammirare l’imponenza di Real Casa de Correos e della sua alta torre dell’orologio. La Puerta del Sol è famosa per essere il luogo di celebrazione del Capodanno spagnolo ed infatti è proprio questo orologio che, ogni anno il 31 dicembre dà il via ai festeggiamenti.

Puerta del sol

Nella Piazza Puerta del Sol si trova anche una statua molto famosa chiamata “El Oso y el Madroño” (L’Orso e il Corbezzolo), che raffigura un orso che si appoggia su un corbezzolo, simbolo tradizionale della città di Madrid. Infatti, lo si trova rappresentato nella bandiera della città ed è stato scelto come logo dalla squadra di calcio Atletico Madrid.

Orso e Corbezzolo

Una curiosità su Madrid. La statua dell’orso e del corbezzolo, simbolo della città, nasconde un mistero ironico. Si dice che toccare la zampa dell’orso porti fortuna, ma attenzione a non confondere la zampa giusta, altrimenti potreste finire per attirare solo guai! Lascio a voi capire di quale zampa si tratta, sennò devo fare tutto io! 😉

Tempio di Debod: un pezzo di Egitto a Madrid

Tempio di Debod

Se siete appassionati di faraoni ed egizi, non potete perdere l’autentico tempio di 2.000 anni fa, donato nel 1972 dall’Egitto alla Spagna come ringraziamento per l’aiuto che lo Stato diede nella salvaguardia dei templi della Nubia, durante la costruzione della Diga di Assuan. Il Tempio di Debod fu trasportato una pietra alla volta e poi ricostruito nel quartiere Princesa, una zona turistica molto estesa di Madrid. Visitatela durante il tramonto, rimarrete incantati!

Puerta de Alcalá

Puerta de Alcala

La Puerta de Alcalá è un’iconica porta monumentale in stile neoclassico, situata nella Plaza de la Independencia a Madrid. Costruita nel XVIII secolo, la Puerta de Alcalá è considerata uno dei simboli più rappresentativi della città.

Prima volta a Madrid: dove vale la pena spendere

“Triangolo d’Oro dell’Arte” di Madrid: Museo del Prado, Museo Reina Sofía e Tyssen-Bohamisza

Museo del Prado
Museo del Prado
Museo Reina Sofia
Museo Reina Sofia
Palazzo Velazquez Madrid
Palazzo Velazquez – Museo Reina Sofia – Madrid

Il quartiere Paseo del Arte ospita i tre più famosi e importanti musei del Paese.

Il Museo del Prado è una tappa obbligata per gli amanti della pittura. Il museo possiede una delle migliori collezioni al mondo di pittura europea, con una particolare enfasi sull’arte spagnola. Al suo interno, si possono ammirare opere significative come “Las Meninas” di Velázquez, “Il Giardino delle Delizie” di Bosch e “Il Tramonto” di Caravaggio. La vastità e la qualità della sua collezione fanno del Museo del Prado un luogo di grande interesse per gli amanti dell’arte e della storia.

Biglietto d’ingresso standard 15€. Controllate sul sito www.museodelprado.es perché è previsto anche l’ingresso gratuito a determinate condizioni. 

Il Museo Reina Sofía è il museo nazionale spagnolo d’arte del XX secolo dedicato alla mostra di opere d’arte moderne e contemporanee, con una collezione che include capolavori di artisti come Pablo Picasso, Salvador Dalí e Joan Miró. Un’opera d’arte di particolare rilievo nel museo è l’iconico dipinto “Guernica” di Picasso. Questo museo offre una preziosa panoramica della storia dell’arte del XX secolo in Spagna.

Biglietto di ingresso standard 10€. Ingresso gratuito a determinate condizioni su www.museoreinasofia.es

Il Museo Thyssen-Bornemisza è un museo d’arte che ospita una vasta collezione di opere che spaziano dal medioevo ai giorni nostri. La collezione è stata raccolta nel corso di diverse generazioni dalla famiglia Thyssen-Bornemisza e comprende opere di artisti come Van Eyck, Caravaggio, Monet, Van Gogh e Hopper. Il museo copre diverse correnti artistiche, tra cui Rinascimento, Barocco, Impressionismo e Arte moderna. La sua posizione vicino al Museo del Prado e al Museo Reina Sofia forma il cosiddetto “Triangolo d’Oro dell’Arte” di Madrid. Questo museo offre una straordinaria opportunità di ammirare capolavori di diversi periodi e stili artistici.

Biglietto di ingresso standard 13€. Ingresso gratuito a determinate condizioni. Verificate su entradas.museothyssen.org/es

Grazie alle loro collezioni eccezionali, questi tre musei sono diventati mete culturali di rilievo a Madrid. Per visitarli bene vi serviranno, sicuramente, almeno tre giorni.

Suggerimento: durante le visite ricordatevi di fare la faccia di chi ci capisce di arte, anche se in realtà state solo cercando di capire cosa rappresenti quel puntino giallo su un dipinto.

La Teleferica di Madrid: ammirare la città dall’alto

Teleferica di Madrid

La teleferica di Madrid, chiamata anche Teleférico de Madrid, è un originale mezzo di trasporto che permette di ammirare la città da un’altra prospettiva.

Collega la stazione Rosales, nei pressi del curassimo roseto Rosaleda del Parque de l’Oeste, con la stazione Casa de Campo, un vasto parco ex riserva reale, offrendo una vista mozzafiato sulla Cattedrale dell’Almudena, la Puerta de Alcalá e altri luoghi iconici di Madrid.

È considerata una delle attrazioni turistiche più economiche (6€ andata e ritorno) e apprezzate della capitale spagnola. L’impianto copre una distanza di 2,5 km e la corsa dura 11 minuti. Le cabine hanno una capienza di 6 persone.

Mentre scrivo questo articolo la teleferica è chiusa temporaneamente per ristrutturazione, ma speriamo riapra presto perché è una esperienza davvero interessante. 

Mercato di San Miguel: tradizione e internazionalità

A caccia del pranzo al Mercato di San Miguel
A caccia del pranzo al Mercato di San Miguel
rivendita di formaggi e tapas
Rivendita di formaggi e tapas

Se non hai mangiato alcuni dei prelibati cibi spagnoli, non puoi dire di essere stato a Madrid. Il Mercato de San Miguel è il regno di tapas, paella, pesce fresco e la sintesi perfetta di colori e odori madrileni, ma anche piatti internazionali, che vi faranno venire l’acquolina in bocca. Ricordate: le calorie in vacanza non contano!

Prezzi a portata di tutte le tasche!

Gran Via: shopping e divertimento

dettaglio palazzo in Gran Via

Chi non ama lo shopping? Non potete lasciare Madrid senza fare una passeggiata nel quartiere Sol-Gran Via lungo la famosa e omonima Gran Via, la via principale di Madrid, piena di negozi di moda, ristoranti e edifici storici. Non so se il vostro portafogli può sostenere lo shopping tra boutique di lusso, ma sicuramente vi divertirete a osservare le stranezze della moda spagnola.

Io ho adorato ammirare la bellezza e la varietà della vita urbana e sono riuscita a trovare anche qualche negozio non troppo eccessivo in cui acquistare qualche capo madrileno.

Il Barrio de La Latina: aperitivo e serata assicurata

Cosa fare a Madrid la sera? Fare un salto al quartiere La Latina, ovvio!

Quest’area è nota per i suoi bar alla moda, i locali alternativi e l’atmosfera bohémien che attira giovani e hipster da ogni angolo del mondo. Un perfetto mix di cultura, cibo, e divertimento senza troppe pretese. 

Plaza de Toros – Las Ventas: lo spettacolo della Corrida

Plaza de Toros - Las Ventas

La corrida è uno spettacolo molto legato alla tradizione del Paese e Plaza de Toros – Las Ventas è l’enorme edificio circolare che accoglie turisti e locali per assistere a questi eventi. Si trova nel quartiere Salamanca nella zona est di Madrid.

La sua arena è la terza più grande del mondo con una capienza di 26.000 persone. Nonostante la grande spettacolarità, non è di certo un evento a cui parteciperei, non trovandomi d’accordo con questo tipo di show.

Anche quando sono stata a Fort Worth in Texas, pur avendo la possibilità di assistere a un rodeo, non l’ho fatto per lo stesso principio.

Ciò non toglie che possa essere molto interessante partecipare ad un tour guidato dell’edificio. I biglietti sono in vendita a partire da 16€ (sono previsti sconti in base all’età e se acquistati online).

Stadio Santiago Bernabéu: per tifosi e appassionati di calcio

Se siete tifosi di calcio, una visita allo stadio Santiago Bernabéu non può mancare, dato che è considerato uno degli stati più belli del mondo. Potrete ammira il tempio del Real Madrid, acquistando i biglietti per un tour guidato. Ci sono tre tipologie di visite con prezzi che variano dai 25 ai 40€. Suggerisco l’acquisto online sul sito www.realmadrid.com per ottenere un piccolo sconto, rispetto all’acquisto in loco.

Lo stadio è appena stato completamente ristrutturato. Il nuovo Bernabeu è un’opera ingegneristica imponente costata 1 miliardo di euro. Quando non si giocano partite, il campo da gioco viene conservato a 35 m di profondità. Per farlo è stato suddiviso in 6 sezioni retrattili, che vengono poi deposte in una zona sotterranea chiamata Ipogeo, che si trova sotto le tribune. Qui viene mantenuto a temperatura, innaffiato, tagliato e preservato in perfette condizioni fino al giorno della partita del Real Madrid. Una cosa incredibile!

Conclusioni e mappe

Sì, lo so, ci sono tantissime cose da vedere a Madrid. È una città davvero dalle mille risorse, vivace che offre cultura, divertimento, buon cibo e tradizioni.

Per rendervi la vita un po’ più facile ho raccolto tutti i luoghi di cui ho parlato nell’articolo in due mappe per darvi un’idea della distanza a cui si trovano e per permettervi di capire come organizzare al meglio il vostro viaggio a Madrid.

Come noterete, Stadio e Corrida sono le due tappe più distanti.

Spero che questo articolo possa rendere la vostra prima volta a Madrid indimenticabile e piena di scoperte interessanti. Preparatevi a vivere un’esperienza unica nella capitale spagnola e fatemi sapere cosa vi è piaciuto di più!

Luoghi da visitare a Madrid in mappa
Luoghi da visitare a Madrid in mappa
Stadio Bernabeu e Las Ventas, l'arena per corride.
Stadio Bernabeu e Las Ventas, l'arena per corride.

Tornate a trovarmi nel blog ogni volta avete bisogno di ispirazione e cercatemi su Facebook o Instagram per quattro chiacchiere in real time!

Ciao 4 now!

Se questo articolo ti è piaciuto o ti è stato d’aiuto, lascia un commento o condividilo con i tuoi amici

👇🏻 👇🏻 👇🏻 👇🏻 👇🏻 👇🏻 👇🏻

Lascia un commento