Lettura: 7 minuti

Salire sul ghiacciaio della Marmolada con il cane è possibile! Basta seguire alcune semplici regole e preparare il vostro amico a 4 zampe ad affrontare qualche piccolo imprevisto.

Toccare il cielo con un dito! È questa la sensazione che ho provato quando sono salita sulla terrazza panoramica della Marmolada di Punta Rocca.

Un’esperienza davvero unica che è possibile condividere con il proprio amico a 4 zampe; alcune accortezze sono però d’obbligo per renderla piacevole per entrambi.

Esercizi per affrontare il ghiacciaio della Marmolada con il cane

Innanzi tutto è meglio che il cane abbia già confidenza nel camminare su diversi tipi di superfici (come gomma, grate di ferro, tessuto e ghiaccio) e sappia fare le scale a pioli bucate.⠀

Come noi umani non siamo nati sapendo camminare o salire le scale, ma abbiamo imparato pian piano, lo stesso vale per loro e non tutti i cani amano camminare su superfici che non conoscono. Potreste rischiare che punti le zampe a terra e decida di non muoversi più (un po’ come quando lo si porta dal veterinario!).

Per abituarlo ci sono una serie di esercizi da poter fare a casa, in preparazione a questa gita, ma che vi potrà sicuramente tornare utile anche in altre circostanze o anche in ambiente cittadino.

Costruite dei percorsi fatti di tappeti e stoffe di diversa consistenza e piano piano, con l’aiuto di bocconcini appetitosi fategli provare la sensazione delle varie superfici sotto alle zampe. Andate per gradi e non forzate i tempi, altrimenti correrete il rischio di ottenere l’effetto contrario. Premiate il cane quando si ferma qualche istante sopra la grata o il tappetini a setole dure o il materassino e aumentate il tempo di stallo del cane in modo graduale prima di premiarlo nuovamente.

E abbiate una reazione entusiasta quando ci riesce! Percepirà la vostra felicità e capirà che sta facendo il gioco giusto!

Funivie, stazioni, orari e costo del biglietto

Per raggiungere i 3.265 m di Punta Rocca è necessario prendere tre funivie. Si sale dalla stazione di Malga Ciapela in provincia di Belluno (1.482 m) passando per le stazioni intermedie di Coston d’Antermoja (2350 m) e Serauta (2950 m).

Durante la salita i vostri occhi si riempiranno di pura meraviglia: 12 minuti di puro godimento!!!

Vista del lago Fedaia dalla funivia Marmolada
Vista del lago Fedaia dalla funivia Marmolada

Malga Ciapela

È la stazione di partenza. Qui si trova un ampio parcheggio, la biglietteria e il “Bar Funivia”.

Stazione di partenza a Malga Ciapela
Stazione di partenza a Malga Ciapela – Marmolada Move to the Top

Coston d’Antermoja

Una stazione intermedia, esclusivamente di collegamento. Non c’è nulla da vedere o poter fare se non dirigersi verso la seconda funivia.

Serauta

In questa stazione si trova il ristorante self-service, il museo Marmolada Grande Guerra 3000 m e i servizi igienici.

Uscendo all’esterno dell’impianto è possibile ammirare un panorama davvero spettacolare, quasi lunare, molto simile a quello che ho potuto vedere sulla Terrazza delle Dolomiti sul Pordoi (Terrazza delle Dolomiti: escursione ad alta quota).

Passeggiata fuori dalla stazione Serauta
Passeggiata fuori dalla stazione Serauta

Si possono scattare millemila foto, fare brevi passeggiate oppure intraprendere un percorso di trekking che vi permetterà di rientrare alla stazione di partenza a piedi, oltre che durante l’inverno, poter sciare in Marmolada.

Punta Rocca

Arrivati in cima potrete uscire sulla terrazza per ammirare il ghiacciaio e le Dolomiti: le Tofane, il Cristallo, Sorapis, Antelao, Pelmo, Civetta, Schiara Col Visentin e Agnér. Noi purtroppo all’inizio eravamo circondate da nuvole basse, ma poi si sono alzate regalandoci davvero una vista indescrivibile!

Terrazza di Punta Rocca 3.265 m
Terrazza di Punta Rocca 3.265 m
Mappa delle Dolomiti sulla terrazza di Punta Rocca
Mappa delle Dolomiti sulla terrazza di Punta Rocca

All’interno della stazione di Punta Rocca è stata allestita una mostra fotografica per celebrare i primi 50 anni di attività della funivia. Davvero emozionante vedere le immagini della sua realizzazione, con le tecniche di cinquant’anni fa. Molto molto bella.

È possibile inoltre camminare sul ghiacciaio, ma fate attenzione!!! Vengono messi dei teli bianchi sopra il ghiaccio, nelle parti più pendenti, per permettere alle persone di vivere quest’ebbrezza in sicurezza, ma state pur sempre camminando su un ghiaccio senza ramponi!!! Sicuramente è un’esperienza da fare!

Sul ghiacciaio della Marmolada
Sul ghiacciaio della Marmolada con il cane

Una cosa che non mi sarei mai aspettata di poter visitare a oltre tremila metri di altezza è la Grotta della Madonna! La grotta è anche una cappella, dove su prenotazione è possibile celebrare la messa.

È una grotta piena di significato e simbolo di pace, che ospita la statua della Madonna consacrata da Giovanni Paolo II, in occasione della sua visita sulla Marmolada il 26 agosto 1979.

Orari

La prima salita è quella delle 9 mentre l’ultima discesa da Punta Rocca è alle 16. Quest’anno gli impianti hanno aperto il 19 giugno e chiuderanno il 12 settembre.

Costo del biglietto

Per salire fino al ghiacciaio della Marmolada, il costo del biglietto (andata e ritorno) è 33€ a persona. Il cane paga 5€ con obbligo di museruola.

Equipaggiamento

Oltre ovviamente ad una bella giacca pesante, perché anche d’estate le temperature sono abbastanza fresche a quelle altezze, è assolutamente necessario indossare calzature da montagna, che limitano la possibilità di scivolare.

Il cane invece è sempre bene tenerlo al guinzaglio. Nello zaino, per lui, avevo lo stretto indispensabile (libretto sanitario, museruola, sacchetti igienici, acqua e qualche snack). Il resto lo abbiamo lasciato in macchina e se volete sapere a cosa mi riferisco con il termine “il resto” vi consiglio di leggere l’articolo “In vacanza con il cane: 15 cose da mettere in valigia“.

Zone vietate ai cani

Solo due aree sono interdette ai cani: il ristorante e il museo, a Serauta. Di quest’ultimo non ho nemmeno un immagine perché era vietato scattare fotografie sia con cellulare che con macchina fotografica e, anche se ne avrei avuto tranquillamente la possibilità, mi sono ben guardata dal farlo. Se c’è un divieto va rispettato, anche se non ne capiamo il motivo.

Conclusioni

La gita sul ghiacciaio a me è piaciuta moltissimo. Il consiglio che posso dare, come sempre è quello di cercare di salire il prima possibile, per evitare la confusione. La capienza massima delle funivie della Marmolada è di 1000 persone, ma sapete bene che in questo periodo non vengono riempite a pieno carico per rispettare tutte le norme anti Covid.

Che poi riflettevo: 1000 persone sulla terrazza di Punta Rocca dove ci stanno??!? Noi eravamo una cinquantina e mi sembravano già tante!

Avrete sempre l’opportunità di godere di un panorama e di una vista mozzafiato senza i fastidi della confusione. Sarà come avere il ghiacciaio tutto per voi.

Panorama dolomitico
Panorama visto dalla Marmolada, la regina delle Dolomiti

Alla domanda: “perché salire sul ghiacciaio delle Marmolada con il cane?” io rispondo “perché no!”

Anche il vostro amico a quattro zampe vivrà una bella esperienza se avrete saputo abituarlo per tempo alle diverse situazioni. Quindi mi raccomando, prima di partire, allenatelo a farlo camminare su diverse superfici, come spiegato all’inizio dell’articolo, imparerà divertendosi, ma soprattutto potrà essere un’attività utile anche in altre occasioni, non solo in cima a un ghiacciaio!

Vi lascio i riferimenti del sito di Funivie Marmolada dove poter trovare ulteriori informazioni sul ghiacciaio e spunti per visitare i dintorni, come Corvara in Badia, Vigo di Fassa, Rocca Pietore e Viel del Pan (e il rifugio Viel) e per organizzare tante belle passeggiate con il cane come quella che abbiamo fatto noi sul Passo Fedaia vicino alla zona monumentale sacra, sbucando alle spalle dell’hotel ristorante rifugio Dolomia.

Per il resto buona visita e buon panorama dalla terrazza più alta delle Dolomiti!⠀

PS: Nel prossimo articolo vi porterò nel mio ristorante preferito a circa 20 minuti da Malga Ciapela.

….ciao for now!

Lascia un commento