Lettura: 8 minuti

Una cosa che amo quando viaggio è assaggiare i piatti tipici del luogo che sto esplorando. “Mangiare a Valencia: i 5 piatti imperdibili” riassume i piatti tipici valenciani che ho apprezzato maggiormente nel mio ultimo viaggio e i consigli pratici su dove provarli!

Mangiare a Valencia: La Paella

Non posso non iniziare con il piatto tipico della Spagna: la Paella!

Paella polpo e carciofi
Paella polpo e carciofi

La varietà di risotti e paella che fanno parte della gastronomia spagnola è fantastica, direi che ce n’è per tutti i gusti. La cosa più bella è che questo tipo di ricette tradizionali non hanno una guida precisa da seguire, visto che in ogni casa/ristorante vengono preparate in modo diverso; a seconda della regione di solito gli viene dato un tocco diverso per abitudine o in base agli ingredienti disponibili nel territorio. La si può trovare a base di pesce, al nero di seppia o vegetariana la paella nella cucina spagnola può davvero sorprendervi!

Nel nostro ultimo viaggio abbiamo provato tre tipi di paella:

  • Alla Valenciana: è la paella tipica di Valencia, da cui prende il nome. È a base di riso, zafferano, verdure, carne o frutti di mare.
  • Paella di riso (coltivato nelle risaie del parco naturale dell’Albufera), con asparagi selvatici, trota salmonata e gamberi di fiume
  • Paella polipo e carciofi.
Riso asparagi selvatici, trota salmonata e gamberi di fiume
Riso asparagi selvatici, trota salmonata e gamberi di fiume
Paella Valenciana
Paella Valenciana alla festa del riso

Dove mangiare la paella a Valencia: festa del riso (primo weekend di aprile in piazza Napoli e Sicilia e plaza de l’Ajuntament); nei locali Puerta del Mar, Navarro e Rincón 33.

Se siete in cerca di un ristorante stellato, vi suggerisco di provare il menù degustazione di El Poblet, uno dei migliori ristoranti che propongono i piatti della cucina valenciana in versione gourmet. È di proprietà dello chef Quique Dacosta che ha ricevuto la seconda stella Michelin nel 2019.

Il Gazpacho: il piatto della tradizione

Un altro piatto tipico della cucina spagnola è il Gazpacho. È un piatto sostanzioso che originariamente veniva preparato con carni di selvaggina come coniglio, quaglia o pernice, ma oggigiorno viene solitamente preparato con pollo e coniglio e il risultato è altrettanto buono. Noi lo abbiamo provato nella variante con i funghi “rebollones”.

Gazpacho di pollo e coniglio con funghi rebollones
Gazpacho di pollo e coniglio con funghi rebollones

La caratteristica principale di questo piatto sono le torte cenceñas che vengono aggiunte a pezzi insieme al resto degli ingredienti al termine della preparazione per far assorbire praticamente tutto il brodo e lasciare una consistenza tenera e piena di sapore. È un pane fatto senza lievito e croccante, chiamato anche pane azzimo o pane di Galiano, e il risultato sul piatto è squisito.

Dove assaggiare il gazpacho a Valencia: Los Gòmez Taberna

Las Cocas: la pizza spagnola

Coca spagnola perfetta per un aperitivo da gustare a Playa de las Arenas

La coca è un piatto molto simile alla pizza italiana. La differenza principale è nell’impasto, perché nella versione spagnola non viene utilizzato il lievito. La base può essere utilizzata sia per preparare piatti salati (come appunto la pizza) oppure dolci. Noi l’abbiamo provata farcita con pollo, cipolla caramellata, pomodoro, mozzarella, valeriana e crema di parmigiano: una prelibatezza!

Dove provare la Coca a Valencia: Zalamero – Coqueria Ruzafa; CocaLoka

Mangiare a Valencia: Le Tapas

Le tapas sono tra le specialità più apprezzate della gastronomia iberica, tipiche valenciane e di chi ama uscire per bar e trovare piccoli piatti di vario tipo e in molti casi frutto di ricette tradizionali piene di sapore.

Le tapas sono piccole porzioni di cibo offerte come antipasto e/o per accompagnare un drink. E “tapping” o “uscire per le tapas” ha praticamente lo stesso significato di dire che stai per uscire con un gruppo di amici in bar o ristoranti per assaporare queste prelibatezze e divertirti, condividendo un momento piacevole.

Esistono doversi tipi di tapas e qui di seguito vi elenchiamo quelle che abbiamo assaggiato!

Empanadillas

Le empanadillas sono una delle tapas che sono diventate molto popolari in tutta la Spagna e che piacciono praticamente a tutti. L’impasto è solitamente ripieno di carne macinata e altri ingredienti, compresa la ratatouille, che vengono fritte in olio d’oliva. La loro consistenza è croccante fuori e pastosa dentro.

Patatas Bravas

Patatas bravas
Patatas bravas con salsa brava piccante

Oserei dire che insieme alle patatine fritte la patatas bravas è la regina delle tapas e uno degli antipasti spagnoli più tipici.

Le patatas bravas o, semplicemente, bravas, sono una tapa particolarmente conosciuta in tutta la Spagna molto facile da preparare, poiché composta da patate a cubetti fritte nell’olio e servite con una salsa di pomodoro piccante e olio all’aglio. Va mangiata calda.

Pintxos e canapés

Los canapés - tipiche tapas di Valencia
Los canapés – tipiche tapas valenciane simili ai cicchetti tipici delle regioni italiane di Veneto e Friuli Venezia Giulia

I Pintxos sono piccole fette di pane su cui viene aggiunta una piccola porzione di cibo. Sono antipasti aperti alla fantasia di chi li prepara (possono essere farcite con calamari fritti, jamón ibérico tradotto significa prosciutto iberico o fagioli bianchi), solitamente posti al bar su un vassoio affinché il cliente possa prenderli a suo piacimento.

Los canapés come i pinchos, sono fette di pane farcite di vari ingredienti: dal formaggio fresco ai paté di ogni tipo. Si consumano come antipasto, aperitivo o antipasto e di solito si mangiano freddi.

Dove provare le tapas a Valencia: Mercat Central, Orio Valencia a due passi dalla piazza Napoli Sicilia, Pintxo i Trago un tapas bar in piazza Rotonda, a pochi passi dalla chiesa de Santa Catalina e la Estrecha, la casa più stretta di Valencia, Cafè de Las Horas.

Mangiare a Valencia i dolci tipici: Buñuelos e churros

I Buñuelos sono delle frittelle molto piccole che durante Las Fallas la festa più famosa di tutta Valencia (che si svolge ogni anno nel mese di marzo) traboccano da tutte le bancarelle, nei mercati e nelle pasticcerie, insieme a loro i churros.

Il churro è in assoluto il dolce tipico della Spagna. Si tratta di un impasto a base di farina cotta nell’olio e dalla forma allungata (dritta, a bastoncino, a laccio o a riccio). Gli ingredienti base sono acqua, farina (solitamente di frumento, anche se può essere di altra origine), olio e sale. Tradizionalmente in Spagna lo accompagnano con la cioccolata calda.

Dove mangiare Churros a Valencia: Mercato Centrale vicino alla Torres de Quart, Orxateria Santa Catalina

Bevande assolutamente da provare

Tinto de Verano

Dal punto di vista gastronomico l’estate (el verano) è sinonimo di picnic, spuntini informali, zuppe fredde, insalate, gelati, sorbetti, milkshake e, naturalmente, Tinto de Verano. Gli spagnoli continuiamo a bere vino rosso durante l’estate, ma in modo diverso e rinfrescante.

Una bevanda che ha fatto irruzione sulla scena gastronomica spagnola negli anni ’60 e continua a essere in cima alla lista dei drink estivi preferiti ancora oggi. Qualcosa che non sorprende, dal momento che un Tinto de Verano ben fatto non ha eguali quando si tratta di rinfrescare dal caldo soffocante dell’estate.

Sembra che il Tinto de Verano sia nato negli anni ’20 a Vargas, una piccola locanda cordovana gestita da Antonio, che, acuito dal caldo soffocante, iniziò a servire il vino della sua casa mescolato alla soda. L’invenzione in questione ebbe un’ottima accoglienza, trasformando Venta de Vargas nel luogo di ritrovo obbligato per gli appassionati di canti e balli andalusi, e dando origine al Tinto de Verano. Solo negli anni ’60 il Tinto de Verano diventa popolare e inizia ad essere consumato in tutto il paese con una frenesia senza precedenti. Punto di riferimento della modernità, la miscela di vino rosso e soda diventa la perfetta combinazione estiva.

Ubik Cafè - Rufaza - Valencia
Tinto de Verano – Ubik Cafè – Rufaza – barrio de Valencia

Sangria

Quando arriva l’estate, non c’è bar spagnolo che non offra la migliore sangria per combattere il caldo con tanto sapore. Ci sono una moltitudine di ricette e varianti, ma lo sapevi che secondo l’Unione Europea solo le sangria spagnola e portoghese possono essere commercializzate con questo nome? Tuttavia, è una bevanda alcolica con una grande tradizione anche in molti paesi dell’America Latina.

Vino, zucchero, pezzi di frutta, gassosa, succo d’arancia e qualche liquore, questi sono gli ingredienti base. Essendo una ricetta tradizionale, ognuno prepara la propria sangria fatta in casa unendo questi ingredienti in proporzioni diverse, utilizzando questo o quel frutto o liquore (o anche senza), diversi gusti di soda, ecc. Anche se deve il suo nome al colore del vino rosso, che ricorda il sangue, la verità è preparata anche con altre basi: è molto diffusa la sangria di sidro, esiste anche la sangria cava (chiamata anche agua de valencia) e la sangria bianca, fatta con vino bianco.

Dove bere Tinto de Verano e Sangria a Valencia: Ubik Cafè – quartiere Ruzafa

Conclusioni

Valencia offre davvero molto sia dal punto di vista artistico-architettonico (ve ne parlo nell’articolo Cosa vedere a Valencia in 3 giorni) ma anche dal punto di vista culinario.

Come in ogni grande città ci sono moltissimi ristoranti, ma il mio consiglio è di cercare di uscire un po’ dal centro storico, di farvi consigliare i ristoranti o i tapas bar fuori dai soliti circuiti turistici per assaporare la cucina locale e i piatti della tradizione valenciana e spagnola.

Per orientarmi nella vastissima offerta di locali a Valencia, ho consultato la sezione gastronomia del sito visit València. In questa sezione vengono catalogati i ristoranti in base alla tipologia, al costo e al tipo di cucina tradizionale che offrono.

Questo sito è stata la base di partenza per trovare molte altre informazioni sui luoghi migliori da visitare (che in qualità di travel blogger non potevo assolutamente non vedere) e sulla Valencia Tourist Card. Ma concludiamo l’argomento con una domanda che mi incuriosisce: quale di questi piatti assaggeresti? Ti è venuta un po’ l’acquolina in bocca?

…Ciao 4 now!

Lascia un commento