• Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Oklahoma
  • Tempo di lettura:22 minuti di lettura
  • Commenti dell'articolo:0 commenti

Riuscire a visitare una città così grande e ricca di attrattiva in poco tempo è un’impresa, ma soprattutto è una questione di scelte. Questo articolo riassume cosa vedere a Oklahoma City, frutto della selezione che abbiamo fatto durante il nostro ultimo viaggio negli Stati Uniti, da Las Vegas a Memphis.

Se siete appassionati di Route 66, leggete fino in fondo, perché vi porterò in uno dei punto di interesse della Route 66 che si trova proprio ad Oklahoma City!

I Viaggi di Giugliver
Ciao, sono Giulia Bean e questo è il mio blog in cui scrivo di Islanda e Stati Uniti, ma anche di borghi fantasma, mete Far West e viaggi pet friendly!
Ho sviluppato una dipendenza per gli Stati Uniti. Ci sono stata NOVE volte e da ogni on the road che ho organizzato insieme al mio socio occulto, ho visto e imparato sempre qualcosa di nuovo.
Esplorando Oklahoma City abbiamo apprezzato la sua pulizia e l’ordine. In questo articolo ho raccolto quelle che, secondo me, sono le attrazioni assolutamente da non perdere se si viene in città.
Scoprite chi sono e seguite le mie avventure anche su Instagram e Facebook!

Bricktown: il centro di Oklahoma City

L’albergo dove abbiamo scelto di pernottare per questi giorni, dista 15 minuti a piedi dal centro. Si, avete letto bene: il CENTRO! Anche se Oklahoma City è una città enorme con quasi 700k abitanti, ha una zona che può essere paragonato al nostro “centro storico” così come lo intendono gli italiani!

Camminando per il quartiere saltano subito all’occhio gli edifici in mattoni rossi. Negli anni ’90 tutta la zona di Bricktown è stata riqualificata. Gli esercizi commerciali hanno preso il posto delle fabbriche e murales sono visibili un po’ ovunque, dai sottopassi delle strade, alle cisterne sui tetti dei palazzi.

edifici in mattoni rossi Oklahoma City
Fabbrica di birra riadattata a bar
Murales che appaiono quando meno te lo aspetti!

cisterne OKC

L’esplorazione della città ha inizio da Bricktown e il primo luogo simbolo della città che incontriamo durante la nostra passeggiata è lo Stadio del Baseball.

Chickasaw Bricktown Ballpark: lo stadio del Baseball

Chickasaw Bricktown Ballpark

Il Chickasaw Bricktown Ballpark fa parte del visionario programma di miglioramento delle strutture sportive, ricreative, di intrattenimento, culturali e congressuali nuove e migliorate chiamate Metropolitan Area Projects (MAPS) di Oklahoma City.

Nel 2020 vince il concorso Ballpark Digest per la migliore struttura Triple-A sul Cincinnati Riverfront Stadium.

È stato inaugurato nel 1998, in sostituzione dell’All Sports Stadium, ed è la casa degli Oklahoma City Dodgers, la squadra di baseball Triple-A affiliata al più noto team della Major League di Los Angeles Dodgers.

Lo stadio può ospitare fino a 13.066 tifosi, ma attualmente utilizza una capienza di 9.000 posti per le partite dei Dodgers.

Dispone anche di un’area riservata ai soli posti in piedi e di una banchina erbosa su cui i fan possono sedersi. II martedì lo stadio offre ai suoi visitatori la possibilità di godersi una partita dei Dodgers, un hot dog e una birra a partire da soli $ 2.

Oltre alle partite, lo stadio viene impiegato anche per altre manifestazioni, come concerti, festival ed eventi aziendali. Il Chickasaw Bricktown Ballpark è un punto di riferimento per la città di Oklahoma City, che offre un’esperienza divertente e conveniente in centro città sia per gli appassionati di sport che per i visitatori.

Curiosità sullo stadio!

Per svariati motivi legati a cambi di proprietà, gradimento popolare e scelte di marketing, lo stadio ha cambiato nome ben 6 volte:

  • Southwestern Ball Park
  • Southwestern Bell Bricktown Ballpark
  • AT&T Bricktown Ballpark
  • RedHawks Field at Bricktown
  • Newcastle Field at Bricktown
  • fino all’odierno Chickasaw Bricktown Ballpark
Il terzo pubblico più numeroso nella storia del Chickasaw Bricktown Ballpark era presente per assistere al ritorno in campo, dopo lunga riabilitazione, del lanciatore dei Los Angeles Dodgers Clayton Kershaw il 26 agosto 2017 contro gli Omaha Storm Chasers. Un pubblico (in piedi) di 13.106 persone è stato il più grande mai registrato a OKC dal 18 aprile 1998.

Bricktown Water Taxi: per una visita da un’altra prospettiva

Bricktown water taxi

Il Bricktown Water Taxi è un modo divertente e unico per esplorare il canale Bricktown nel centro di Oklahoma City.

Il Water Taxi è operativo sette giorni su sette, da marzo a dicembre, con orari variabili a seconda del giorno e della stagione. I biglietti possono essere acquistati online o presso la stazione di imbarco, situata a 111 S. Mickey Mantle Drive, Suite 325.

L’acquisto online permette un lieve risparmio sul prezzo, infatti, i biglietti costano $ 12 per gli adulti e $ 9 per i bambini, invece di $ 15 e $ 10.

Il Water Taxi offre crociere narrate nel cuore del quartiere dei divertimenti di Bricktown, nel centro di Oklahoma City. La corsa dura circa 40 minuti e copre una distanza quasi un miglio.

Offerte speciali: il Water Taxi offre una varietà di crociere speciali durante tutto l’anno, comprese corse a tema natalizio e charter privati per eventi come matrimoni e gite aziendali.

Il Bricktown Water Taxi è il modo migliore per visitare Oklahoma City, divertendosi, ma allo stesso tempo per conoscere la storia della città grazie a guide esperte che durante il percorso vi racconteranno un mare (o forse dovrei dire un canale!!!) di aneddoti sulla storia della città.

Che tu sia un abitante del posto o un visitatore, è un ottimo modo per vedere la città da una prospettiva unica.

Durante la navigazione, ho potuto ammirare lo skyline della città, molti edifici storici della città, sedi di grandi aziende, alcuni locali, tra i quali il Toby Keith’s I Love This Bar & Griill, consigliatoci per andare a mangiare. La particolarità di questo ristornate è la musica dal vivo e la sua forma che vista dall’alto ricorda la sagoma di una chitarra.

I due monumenti che hanno attirato la mia attenzione durante il tour sono stati: Chickasaw Plaza e Cetennial Land Monument.

Chickasaw Plaza

Chickasaw Plaza

Nello stato dell’Oklahoma vivono tutt’oggi cinque gruppi di nativi americani: Cherokee, Chickasaw, Choctaw, Creek e Seminole.

Lungo il canale di Bricktown nel 2019 è stata costruita Chickasaw Plaza, una piazza pubblica con al centro una statua di un membro della tribù Chickasaw, oltre a diversi pannelli informativi sulla storia e la cultura della tribù.

Questo monumento fa parte degli sforzi della nazione Chickasaw per promuovere e preservare la propria cultura e il patrimonio di Chickasaw, la tredicesima più grande tribù degli Stati Uniti riconosciuta a livello federale.

Centennial Land Run Monument

Centennial Land Run Monument

Questo imponente monumento è dedicato alla Land Rush, ossia la corsa alla terra dell’Oklahoma.

Nel 1889 fu indetta una gara senza precedenti per conquistare un appezzamento in una nuova terra ancora vergine, l’Oklahoma.

La terra fu suddivisa in 42.000 poderi e ne sarebbe stato assegnato uno, alla prima persona che vi avesse messo piede. Si presentarono in 50.000!!!

Il monumento si trova appena fuori Reno Ave, tra i Bass Pro Shops e il Residence Inn Hotel.

Il Centennial Land Run Monument è stato creato dall’artista Paul Moore e presenta 45 statue in bronzo di cavalli, cavalieri, carri e famiglie, tutte congelate nel tempo mentre corrono per rivendicare il loro pezzo di terra.

Il monumento è una straordinaria opera d’arte che cattura l’eccitazione e il caos della corsa terrestre. Le statue sono incredibilmente dettagliate e realistiche ed è possibile camminare tra loro e vederli molto da vicino.

Il monumento è aperto al pubblico tutto l’anno e l’ingresso è gratuito, oltre ad essere una tappa del tour del Bricktown Water Taxi.

I meravigliosi giardini botanici Myriad 

I Myriad Botanical Gardens offrono ai visitatori un rifugio naturale di 6 ettari nel cuore del centro di Oklahoma City, con una varietà di spazi esterni, tra cui un giardino per bambini, un parco per cani e una fontana.

All’interno dei giardini si trova anche il Conservatorio Crystal Bridge della Inasmuch Foundation e presenta una varietà di piante provenienti da tutto il mondo.

Da fuori questa stranissima serra sembra una capsula dalla struttura metallica bianca a griglia alternata a vetri opacizzati sospesa sopra ad un laghetto.

Al suo interno c’è un micro clima tropicale, con enormi tubazioni sospese che creano un’atmosfera spaziale.

Il Crystal Bridge è strutturato su due livelli: il piano terra e un piano superiore da cui si accede tramite due scale poste alle estremità della capsula. Una passerella sopraelevata permette di spostarsi dal un lato all’altro del piano godendo di una panoramica complessiva dell’ambiente.

Conservatorio Crystal Bridge

Sarete circondati da tantissime piante di ogni tipo. Alzando lo sguardo al cielo ammirerete un ambiente super luminoso colorato da variopinte mongolfiere sospese. Ad accogliervi, appena entrati, una cascata a gradini che vi farà ancor più immergere nell’atmosfera stile giungla della serra.

Fermatevi, lungo il percorso, alle stazioni olfattive: delle postazioni da cui è possibile annusare il profumo della fioritura delle piante che si stanno ammirando, anche se non si è in stagione.

L’ingresso al Conservatorio Crystal Bridge della Inasmuch Foundation costa $ 10,50 per gli adulti, con sconti disponibili per anziani, studenti e personale militare.

I Myriad Botanical Gardens ospitano una varietà di attività ed eventi stagionali durante tutto l’anno, tra cui esposizioni di bulbi primaverili, concerti nell’anfiteatro esterno, film, lezioni e festival annuali per bambini.

I giardini esterni sono gratuiti e aperti al pubblico tutto l’anno.

Scissortail Park

Scissortail Park

Non immaginavo di trovare così tanto verde nella città di OKC. Nel bel mezzo della città si trova un bellissimo e curassimo parco dal cui promontorio è possibile avere una panoramica della città.

Il bellissimo Scissortail Park, è un parco urbano di oltre 280.000 metri quadrati ideale per attività all’aperto, grazie ai suoi sentieri pedonali, un parco giochi e addirittura un lago!

Salendo su un promontorio del parco è possibile ammirare tutto il circostante:

  • uno dei pochi grattacieli presenti in città, di proprietà della compagnia petrolifera Devon Energy, che ospita sulla sommità il Vast, un rinomato ristorante
  • il palazzetto dello sport dove gioca la squadra NBA degli Oklahoma City Tinder
  • il centro congressi
  • i giardini botanici
  • lo Skydance Bridge, il ponte che si ispira alla danza di accoppiamento del Scissor-Tailed Flycatcher, cioè l’uccello simbolo dello Stato dell’Oklahoma.

Skydance Bridge

Il parco è chiamato anche Il Giardino della Pioggia o giardino pluviale, perché dotato di una tecnologia naturale per raccogliere, purificare e riciclare l’acqua piovana rimuovendo fino al 90% dei nutrienti e delle sostanze nutritive, sostanze chimiche e fino all’80% dei sedimenti dal deflusso.

Il parco è stato progettato per avere cinque zone di raccolta delle acque piovane che poi tramite tubi interrati ed un particolare sistema di filtraggio, purificano l’acqua.

Anche se asciutti per la maggior parte del tempo, il giardino pluviale, dopo un temporale, fa confluire l’acqua nei cinque punti di raccolta creati ad hoc (gli stagni).

L’acqua immagazzinata scorre attraverso i filtri raggiungendo il lago, mentre l’acqua rimasta nei tubi meteorologici irrigherà l’ambiente circostante nell’arco di pochi giorni.

I giardini forniscono un servizio per la comunità, oltre a creare un habitat per piante e animali autoctoni.

POP’s: la rivendita di bibite più stravaganti del mondo

Non potevamo saltare questa tappa, nel nostro viaggio in Oklahoma! Il  Pop’s Soda Ranch è la rivendita di bibite più stravaganti di tutto l’Oklahoma, ma forse di tutti gli Stati Uniti, ma azzarderei a dire anche di tutto il mondo!

Ci troviamo ad Arcadia, a pochi chilometri dal centro di OKC.

Appena entrati sarete accolti da una immensa e colorata esposizione di bottiglie.

pops' soda ranch

Pop’s in realtà è una stazione di servizio, con all’interno da un lato una tavola calda, stile Happy Day’s e dall’altro uno shop di articoli vari.

La sua particolarità e attrattiva è quella di essere una rivendita di bibite dai gusti più disparati, curiosi e disgustosi: blue cheese (formaggio tipo gorgonzola), mashmallow, bacon, Key Lime Pie (la torta tipica di KeyWest in Florida), ma anche, tenetevi forte, bava di cane, vomito, sangue di naso e brufolo schiacciato!

Per fortuna esistono anche bibite dalle varietà più classiche e “normali”.

L’insegna del Pop’s Soda Ranch non passa certo inosservata. Vedrete dalla strada infatti una gigantesca spirale bianca a forma di bottiglia che di notte si illumina ad intermittenza dei colori dell’arcobaleno.

insegna Pop's Soda Ranch

Il National Cowboy & Western Heritage Museum

National Cowboy & Western Heritage Museum

Quando scopri che a pochi chilometri dalla città che stai visitando c’è il  National Cowboy & Western Heritage Museum e tu sei un appassionata dell’antico West, cosa fai non ci vai? Certo che ci vai!!!

Appena entrati, un’imponente statua di marmo equestre ci accoglie, dandoci la misura dell’enormità di questo posto!

Il museo, infatti, è un complesso di edifici, che raccoglie la storia, l’arte e la cultura del West, esponendo più di 28.000 opere d’arte e manufatti degli indiani d’America e occidentali, tra cui la più vasta collezione al mondo di fotografie di rodeo americani, filo spinato, selleria e primi trofei di rodeo.

A proposito di selle, mette in mostra il meglio della lavorazione delle selle, della produzione di morsi e speroni, dell’argenteria e dell’intrecciatura di pelle grezza.

Un’ala è dedicata ai bambini, con giochi a tema sia in scatola che di costruzione. I giochi non sono solo per i più piccoli, infatti le pareti e le teche in centro alla stanza proteggono arti antiche e libri e fumetti di cowboy e nativi americani.

Un’altra ala è interamente dedicata a personaggi che hanno fatto la storia del West. Tra i più famosi c’è ovviamente John Wayne. E c’è perfino la ricostruzione di una città western.

Il museo presenta anche una varietà di mostre a rotazione, tra cui “Cowboys: An American Story”, “King Ranch: A Legacy in Art” e “Women in Wyoming”.

L’ingresso al museo costa $ 12,50 per gli adulti, con sconti disponibili per anziani, studenti e personale militare.

Stockyards City: il mercato del bestiame tra aste e storia

Stockyards City

Nell’ itinerario che vi porterà a visitare Oklahoma City, dovete assolutamente includere il luogo dove ancora oggi si svolge una delle attività più antiche degli stati del West: l’Oklahoma’s Stockyard City !

Qui i vari allevatori dello stato portano i loro capi di bestiame per essere venduti. Visitare questo posto vi permetterà di assistere ad uno spettacolo davvero particolare.

Appena arrivati vi darà il benvenuto la scritta

Oklahoma National Stock Yards – the Worlds Largest Stocker and Feeder Cattle Market.

Auctions create competition… …that creates TOP PRICES!

Per potere assistere alle aste è necessario essere un allevatore, ma lo Stockyard organizza dei tour prenotatili online della durata di un’ora.

Lo stockyard di Oklahoma City è uno dei pochissimi ancora attivi. Ce n’è uno a Forth Worth – Texas (che abbiamo visitato pre COVID) ma viene utilizzato solo per spettacoli e dimostrazioni.

Una volta finite le “esibizioni” e vendute le mucche, queste  vengono fatte correre lungo i recinti per poi dividerle e caricarle nei camion per il trasporto. Salendo sulle passerelle rialzate potrete vedere recinti a perdita d’occhio e il bestiame.

Noi siamo arrivati verso le due del pomeriggio, dopo aver mangiato una bistecca spaziale da Cattlemen’s Steakhouse, quando oramai le aste volgevano al termine, con oltretutto una inizio di pioggia battente. Non abbiamo dovuto pagare nulla.

Tornati a casa abbiamo visto un bellissimo servizio di Oklahoma News Report proprio su questo Stockyard che consiglio di guardare per conoscere davvero come funziona al giorno d’oggi un’attività di questo tipo, e di cui è presidente una donna!

Il faro di East Wharf

faro di East Wharf

Alzi la mano chi ama i fari. Non so voi, ma a me i lighthouse affascinano tantissimo. In Scozia e in Islanda ne abbiamo visti di davvero belli, per questo motivo quando abbiamo saputo che anche a pochi passi dalla capitale dell’Oklahoma ce n’era uno particolare, siamo corsi a vederlo.

La popolazione di OKC trascorre il proprio tempo libero a East Wharf, sulle sponde del lago Hefner. Sul lungo lago si trovano diversi “stabilimenti balneari” che offrono tutto quello di cui uno ha bisogno per poter trascorrere una spensierata giornata festiva.

Il protagonista di questa località è il faro di East Wharf, costruito nel 1999. È la riproduzione del secondo faro più antico d’America, Brandt Point che è stato costruito nel 1746 vicino a Nantucket, MA.

Il faro di East Wharf è un classico esempio dei fari costieri che operano sorveglianza lacustre e marittima con orgoglio da oltre  300 anni.

Attraverso la tecnologia, i fari (chiamati anche stazioni luminose)  sono ora completamente automatizzati e non richiedono più l’ausilio di un custode. Il Lighthouse di East Wharf fa parte dei fari sotto la responsabilità della Lighthouse Society.

La società è stata fondata per assistere nella conservazione e nel restauro delle stazioni luminose, i simboli del patrimonio marittimo della nazione.

Oklahoma’s Milk Braum’s 

Oklahoma's Milk Braum's 

Eccoci giunti all’ultimo luogo iconico da vedere in Oklahoma, un classico esempio di come si faceva marketing durante i tempi della Route 66!!!

Al 2426 North Classen Blvd, nella parte nordoccidentale di Oklahoma City si trova Milk Bottle Grocery, un microscopico edificio talmente piccolo che, per farsi notare, ha installato un’enorme bottiglia di latte sul tetto.

Costruita in lamiera intorno al 1948, l’accattivante bottiglia di latte era, ed è ancora, un espediente pubblicitario funky per l’industria lattiero-casearia. Una scelta obbligata, ragionandoci.

Infatti il negozio dotato di metrature alquanto ridotte e posizionato su un crocevia molto trafficato, poteva optare per un unico posto su cui installare un’insegna: il tetto!

Tra l’altro, questo è anche, uno dei pochissimi, se non l’unico edificio, a pianta triangolare di Oklahoma City!

Nel 1998 è stato inserito nel registro nazionale dei luoghi storici.

Cosa vedere a Oklahoma City: conclusioni

Spero che queste informazioni per organizzare una visita della città di OKC possano essere state utili.

Se invece siete già stati in città, conoscevate già i luoghi che vi ho segnalato? Se volete dare il vostro contributo e aiutare altri lettori e viaggiatori a organizzare una gita da queste parti, potete lasciare i vostri suggerimenti nei commenti.

Sarò felicissima di leggervi e di darvi la possibilità di migliorare questo articolo.

Tornate a trovarmi nel blog ogni volta avete bisogno di ispirazione e cercatemi su Facebook o Instagram per quattro chiacchiere in real time!

Nel frattempo, ciao 4 now!

Se questo articolo ti è piaciuto o ti è stato d’aiuto, lascia un commento o condividilo con i tuoi amici

👇🏻 👇🏻 👇🏻 👇🏻 👇🏻 👇🏻 👇🏻

Lascia un commento